correre per dimagrire

Correre per dimagrire, un sacro dogma da sfatare.

Ci è sempre stato detto che correre per dimagrire è la cosa migliore, ma è davvero così, oppure può essere solo un’illusione?

La convinzione che come attività motoria correre per dimagrire funzioni veramente è uno dei luoghi comuni più radicati nell’immaginario collettivo.

Rappresenta la credenza popolare con cui un personal trainer, specializzato in ginnastica per il dimagrimento, più spesso si scontra.

Correre non fa dimagrire, almeno non il running che noi tutti conosciamo. Cioè un’attività di corsa ad una certa velocità, più o meno costante, per un certo tempo o per una certa distanza.

La corsa o un’attività aerobica rientrano sicuramente in un protocollo di attività fisica volta al dimagrimento. Mai benefici che ne derivano non ne costituiscono il punto fondamentale.

Prima di entrare nel dettaglio scientifico, ancora una volta è bene analizzare il fenomeno dal punto di vista sociologico e culturale.

Tutti noi associamo prima o poi l’idea del correre o di un’attività comunque prevalentemente aerobica al dimagrimento. E’ una convinzione che si radica fin da piccoli. Tutti dicono che funziona in questo modo.

Come dimenticare i video di Jane Fonda sull’aerobica associata al dimagrimento? Ma tra tutti questi sport o presunti tali, soprattutto il correre per dimagrire è l’alfa e l’omega, è il tutto, l’assoluto.

In realtà correre e gli altri esercizi aerobici sono necessari alla salute, ma il messaggio che passa è legato al dimagrimento. Ancora, non perché riducendo la massa grassa si migliora il benessere fisico.

No, dimagrire è visto come apparenza esteriore, come prospettiva di accettazione sociale legata alla bellezza estetica. Visto che la gente vuole credere questo, come sempre da una domanda nasce l’offerta.

Che contribuisce a rafforzare il luogo comune di cui si parla

Infatti, qui trovano terreno fertile le strategie di marketing delle industrie del settore. Per vendere abbigliamento, calzature, macchinari ed accessori per il running si cavalca l’onda del dimagrimento. Quindi, dell’apparenza fisica.

Se queste multinazionali provassero a far passare l’idea che correre sia un attività che fa bene alla salute, probabilmente le vendite crollerebbero. Invece, alimentare il vecchio adagio che correre fa dimagrire assicura profitti sempre più grandi.

Una precisazione: per correre e fare attività aerobiche è giustissimo curare l’abbigliamento ed avere le calzature adatte, ma i motivi sono diversi dal dimagrimento.correre per dimagrire

E che dire dei tapirulan sempre più tecnologici, per la casa o per le palestre? E chi li comprerebbe o farebbe un abbonamento se servissero solo per la salute? Ma non finisce qui.

Oltre a tutto questo, c’è sempre l’amico che ha il cugino che sa-tutto-lui che dice che correre fa dimagrire. C’è la televisione che ci bombarda da sempre con questo messaggio. E adesso c’è anche internet. Dove informazioni  che hanno lo stesso  valore delle chiacchiere da bar vengono considerate come scientifiche.

Per tutti questi e anche altri motivi, correre per dimagrire è diventato, negli anni, un dogma sacro. Intoccabile come un articolo della Costituzione.

Grazie anche ad un limite dell’uomo moderno

Sì, perché abbiamo perso il senso critico, non andiamo più a verificare le informazioni. A chiedere il perché. A vedere quali studi, prove o conferme ci sono dietro a quello che ci dicono.

Così, i messaggi che ci arrivano sono esattamente calibrati su ciò che vogliamo credere, a prescindere che sia vero o meno. Nel prossimo articolo spiegherò perché correre per dimagrire è generalmente solo un’illusione.

Con motivazioni scientifiche, presentate come al solito in modo semplice.


Autore dell'articolo: Dr. Paolo Carbonari

Dr. Paolo Carbonari
Ideatore del metodo FitFuego (TM) Personal Trainer Istruttore Fitness per il dimagrimento Istruttore HIIT HIIT EXPERT Istruttore di Allenamento Femminile Istruttore di Aerobica Marziale (c) Istruttore di Fitness e Body Building Laurea triennale in Scienze Politiche Laurea Magistrale in giurisprudenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *