Emilia Romagna

Emilia Romagna. Rinascimento e l’Orlando “lunatico” di Ariosto e Boiardo

Emilia Romagna. Regione che coltiva il culto della bellezza: buon cibo e Rinascimento artistico. Culla di Ariosto e Boiardo

L’Emilia Romagna è la nuova tappa della rubrica Itinerari d’Autore.

Segue la pianura padana ed è attraversata dall’Appennino tosco emiliano.

Emilia RomagnaNasce dall’unione di due regioni storicamente diverse fra loro: l’Emilia e la Romagna.

La sua morfologia separa l’Italia settentrionale dal centro sud.

Dal punto di vista storico, presenta tracce del passaggio di Celti Etruschi, Romani Longobardi e Franchi. Diversi siti sono patrimonio culturale UNESCO come il Mausoleo di Teodorico a Ravenna, e la città di Ferrara col Delta del Po.

Dal punto di vista culinario, le due aree offrono una tradizione diversa che segue le varie influenze storiche. Celebre è la tradizione della pasta fatta in casa: tagliatelle, tortellini, cappelletti e lasagne sono solo un breve elenco.

Anche Vini come il Lambrusco e salumi come il prosciutto di Parma arricchiscono il menù completato da formaggi celebri come lo squacquerone e il parmigiano reggiano.

L’Orlando “lunatico” di Boiardo e Ariosto

Matteo Maria Boiardo è uno dei massimi esponenti del rinascimento letterario emiliano.

Le sue opere rievocano il dolce stil novo professato da Petrarca e Dante. Ma nel suo “Orlando innamorato” stravolge il senso dell’amore.

La bella Angelica non è solo una bellezza capace di infondere pace nell’animo di chi la incontra.

Al contrario gli uomini vengono sedotti dalla sua bellezza a tal punto di esser disposti a far di tutto per lei.

Qualche anno dopo l’opera interrotta dal primo autore viene ripresa da Ludovico Ariosto, anch’egli emiliano e appassionato della poesia petrarchesca.

Questa passione lo ispira a ideare una nuova versione dell’Orlando precedente.

La trama ripresa propone un Orlando furioso per l’amore rifiutato da Angelica, che nell’opera di Boiardo è prima innamorata di Rinaldo e poi di Medoro.

Il poema cavalleresco dell’Orlando è la chiara testimonianza del sistema cortigiano rinascimentale.

 

Per approfondire:

 

 

 

 

 


Autore dell'articolo: Renato Costa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *