esercizio instabile

Esercizio instabile: conosciamo la sua importanza e i benefici

E’ scientificamente provato che l’esercizio instabile è molto vantaggioso per il corpo umano, per ogni persona, non solo per gli atleti ad alte prestazioni.

E’ ormai comune trovare dispositivi o piattaforme per l’esercizio instabile nelle palestre e nei centri di riabilitazione/fisioterapia. Gli esercizi o l’allenamento su di essi influenzano il miglioramento e l’ottimizzazione della propriocezione. Questa è una particolare sensibilità grazie alla quale l’organismo ha la percezione di sé in rapporto al mondo esterno.

La sensibilità propriocettiva permette di “sentire” la posizione delle articolazioni, dei muscoli e il senso del movimento (cinestesia), anche quando gli occhi sono chiusi. Consente inoltre al corpo di muoversi al meglio.

Gli atleti di alto livello hanno sempre questo tipo di esercizio all’interno del loro piano di allenamento. Chi pratica sport a livello amatoriale generalmente non segue questo specifico allenamento.

Gli effetti dell’esercizio instabile si riassumono in quattro aspetti fondamentali

  • Attivazione muscolare. Questi esercizi attivano grandi gruppi muscolari. I muscoli stabilizzatori devono contrarsi per dare stabilità, poiché il corpo è in uno stato costante di squilibrio.
  • Co-contrazione. E’ stato dimostrato che c’è un’attivazione dei muscoli agonisti e antagonisti per dare stabilità alle articolazioni che sono soggette a stimoli instabili.
  • Prestazioni migliori. Questo allenamento aumenta la capacità di reazione e l’agilità. Attraverso l’aumento dell’equilibrio statico e dinamico migliora anche il controllo posturale.
  • Prevenzione degli infortuni. Questo può essere l’effetto più importante. Grazie a questo tipo di allenamento è possibile ridurre fino al 50% le lesioni agli arti inferiori (legamenti della caviglia o del ginocchio). Se invece la lesione esiste già, si ottengono molteplici benefici utilizzandolo nella riabilitazione.

Propriocezione ed esercizi propriocettivi: utilità e benefici

Quando una lesione, ad esempio una distorsione alla caviglia, si ripresenta almeno 3 volte in un anno (recidiva), si può dire che esiste una alterazione propriocettiva. Per questo motivo è molto importante una rieducazione mirata, non solo al rinforzo dell’arto ma della propriocezione in generale.

I recettori coinvolti nel lavoro sulla propriocezione sono:

  • i fusi neuromuscolari.
  • gli organi tendinei del Golgi.
  • i recettori cutanei e delle capsule articolari.

L’esercizio instabile fa parte dell’allenamento propriocettivo. Il paziente andrà a eseguire esercizi di equilibrio e esercizio instabilecoordinazione. Nel frattempo il fisioterapista può applicare diverse difficoltà, provocando stimoli esterni. Tutto questo per costringere il corpo a adattarsi alle diverse situazioni e far si che risponda in maniera efficace.

Se eseguiti sotto la supervisione di un valido professionista, sono esercizi totalmente sicuri e privi di rischi.esercizio instabile

I principali attrezzi utilizzati sono:

  • piattaforme instabili (Bosu).
  • cuscini.
  • tavolette propriocettive.
  • fit-balls.
  • palle mediche.
  • elastici.

 

 

esercizio instabile

Attraverso gli esercizi sulle superfici instabili si possono svolgere esercizi propriocettivi del ginocchio, della caviglia o della spalla. Si può lavorare anche per aumentare l’attivazione e la tonificazione della muscolatura della zona centrale, quindi per il controllo motorio del “Core”.

 

 

Potete continuare a seguirmi sulla mia pagina Facebook o su BenessereItalia360 dove, grazie alla Dr.ssa Rosanna Provenzano, pubblicherò i miei articoli ogni giovedì.

 

Ft. Alessandra D’Ilario


Autore dell'articolo: Dottoressa Alessandra D Ilario

Dottoressa Alessandra D Ilario
Sono una fisioterapista e come tale ho esercitato tanti anni presso centri di fisioterapia e cliniche di riabilitazione, finché non ho deciso di dedicarmi completamente al lavoro autonomo nel mio studio, situato in zona Axa-Malafede, per offrire ai pazienti un servizio di qualità con trattamenti indirizzati alla singola persona. Quella del fisioterapista è una professione in continua evoluzione, e che necessita di attenzione e formazione continua. FISIOTEC nasce con l'obiettivo di unire l'esperienza e la professionalità maturate in quasi vent'anni di lavoro, con l'utilizzo di sofisticati macchinari tecnologicamente molto avanzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *