i dipendenti affettivi

I dipendenti affettivi: la famiglia d’origine tra ripetizione e cambiamento

Qual è la storia familiare dei dipendenti affettivi? Da dove nasce questo bisogno d’amore in cambio di autosacrificio e negazione di sé?

I dipendenti affettivi  hanno  una storia familiare segnata dall’autosacrificio e dalla negazione di sé, accettati in cambio della possibilità di ricevere attenzione e considerazione dalle figure di accudimento. I dipendenti affettivi provengono da famiglie in cui entrambi, o un solo genitore, presentano una depressione o comportamenti problematici. In questi casi i genitori sono alcolisti o tossicodipendenti, incapaci di provvedere non solo ai propri figli, ma anche a se stessi, avendo necessità a loro volta di qualcuno che possa prendersi cura dei propri bisogni. Non è raro vedere famiglie in cui le relazioni di cura sono invertite, genitori bambini da un lato e figli adultizzati dall’altro.

I dipendenti affettivi: bambini adultizzati

i dipendenti affettivi

Nella loro infanzia i dipendenti affettivi sono stati bambini che, dovendosi prendere cura dei propri genitori disturbati, non hanno potuto vivere serenamente la loro infanzia. Essi non hanno potuto completare il loro processo di crescita verso l’autonomia. In realtà si tratta di bambini a cui è stato trasmesso il messaggio che per essere amati dovevano prendersi cura del proprio genitore.

Tipologie di situazioni familiari

Byng-Hall individua alcune situazioni familiari che possono minacciare la sicurezza di un bambini. Una di queste è la rottura di una relazione genitoriale, con la conseguente paura di perdere il genitore. Una seconda situazione è la presenza di un genitore che non può contare sul partner e si rivolge ai figli come sostituti. Un’altra è la esistenza di situazioni conflittuali e di maltrattamento, dove la figura di attaccamento diventa la fonte del pericolo, e perde tutte le caratteristiche di cura e protezione per il bambino.  Infine la ripetizione di script familiari ovvero scenari traumatici che hanno riguardato la vita dei genitori e che spingono questi ultimi a comportarsi come se le vicende del passato si ripresentano nel presente nel rapporto con i propri figli. A tal proposito molte relazioni da adulti vengono portate avanti nonostante il pericolo proprio per il fatto che ripetono la qualità delle relazioni di attaccamento avute.

Abuso e violenza

i dipendenti affettivi

Goldner occupandosi di relazioni di abuso e violenza ripercorre le storie delle donne maltrattate descrivendo queste come persone che soffrono soprattutto di abbandono e svalutazione. Queste donne vivono con la sensazione di essere marginali, invisibili alle famiglie, o al contrario di essere additate come pazze e distruttive. Le famiglie di queste donne non rispettano e non riconoscono le richieste che le figlie compiono per se stesse. Le loro madri in maniera volontaria o negligente finiscono per non tollerare le necessità e le doti di queste figlie.

Le relazioni amorose dei dipendenti affettivi

i dipendenti affettivi

Da adulti riprodurranno nella vita amorosa lo schema relazionale del passato, ossia alla ricerca di quel genitore amorevole  di cui non si è fatta esperienza. I dipendenti affettivi tenderanno ad esaltarsi ogni volta che si realizza l’aspettativa di averlo trovato, e a spegnersi nella depressione, tutte le volte che falliscono. Una nuova storia d’amore può essere vissuta come una second chance, incarnata da un uomo, che riesce per la prima volta a farle sentire gratificate. Il modo in cui queste donne intrecciano e mantengono determinate relazioni, può essere ben spiegata in termini di lotta per il riconoscimento. Essere necessaria, essere adorata, e per la prima volta essere ammirata, crea l’illusione fiabesca di un nuovo inizio, così annebbiante da oscurare dolorose conseguenze.

Per approfondire:


Autore dell'articolo: Psicologa Psicoterapeuta Cinzia Di Fiore

Psicologa Psicoterapeuta Cinzia Di Fiore
Psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale, iscritta all'ordine degli psicologi della Campania dal 05/04/2014 con numero 5878 con annotazione all'esercizio di psicoterapia dal 2018. Mi occupo di dipendenze, problemi di coppia, disturbi d'ansia e depressivi, disturbi alimentari e problematiche correlate allo stress, conduco gruppi di sostegno per il pre e il post partum. Ricevo a Roma presso lo studio di Psicologia&Osteopatia Nuove forme in via chiana 106 (Metro Sant'Agnese Annibaliano) e in zona Anagnina (metro Numidio quadrato) presso l'Accademia di scienze olistiche. Per info e appuntamenti : cell 3392128519, e-mail c.difiore87@gmail.com, facebook https://www.facebook.com/PsicologaPsicoterapeutaCinziaDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *