La frutta

La frutta, perché fa bene mangiarne tanta anche nei mesi freddi

Solitamente i mesi estivi sono quelli nei quali abbondiamo con la frutta. Dovremmo mantenere questa buona abitudine anche nei mesi freddi poiché il nostro metabolismo continua ad aver bisogno della frutta.

La frutta,  complice anche il caldo afoso e la grande varietà di scelta, siamo soliti mangiarne tanta nei mesi estivi. Il suo contenuto zuccherino ed acquoso è senza dubbio un toccasana per combattere il caldo. Inoltre grazie ai sali minerali e vitamine in essa contenuti ci aiutano a stare bene.
Ma anche con l’arrivo del freddo, il nostro corpo non smette di necessitare delle sostanze benefiche contenute nella frutta e non solo.

Frutta e ortaggi, un toccasana per la salute

La fruttaIn autunno ed in inverno la varietà di frutta è ridotta rispetto a quella presente in estate. Però se consideriamo alcuni ortaggi e la frutta secca a guscio troveremo grazie a questi una bella varietà. Le caratteristiche sono diverse rispetto alla frutta estiva ma sono ugualmente valide. Consideriamo che in inverno e necessità dell’organismo sono diverse rispetto a quelle dell’estate. Per cui ad esempio la frutta secca, anche se più calorica, può essere una valida alternativa. Per cui noci, mandorle, castagne, nocciole possono darci tanti nutrienti. Il periodo autunnale ci offre diversi tipi di frutti. Fichi, fichi d’india, castagne, agrumi, kiwi, cedri, mele, melograni, pere, uva, ultimi meloni. La varietà è tanta, a queste possiamo aggiungere anche frutta esotica come banana e ananas. Ricordiamo che possiamo consumare anche ortaggi come zucchine, zucca, pomodori, melanzane e peperoni. Questi ortaggi pian pianino tendono a scomparire nel periodo invernale.

Gli agrumi

La fruttaMa quando si parla di frutta invernale, indubbiamente il primo pensiero è rivolto a tutti gli agrumi. Arance, mandarini, mandaranci, pompelmi sono i protagonisti della stagione. Tutti ricchi di vitamina C, sono un toccasana nella prevenzione dei mali di stagione poichè favoriscono l’innalzamento delle difese immunitarie.

Le arance hanno anche azione antiossidante e sono valide alleate del cuore e del colon. È preferibile mangiarle a spicchi piuttosto che spremute, poichè, nella parta bianca è contenuta la pectina. Quest’ultima è una fibra solubile che grazie alla sue proprietà tende a regolarizzare le funzioni intestinali in caso ad esempio di stitichezza.

Anche il mandarino ha ottime proprietà, ma rispetto all’arancia ha un quantitativo maggiore di zucchero, il che lo rende più calorico.

Invece il pompelmo, meno consumato e meno gradevole al palato rispetto ad arance e mandarini, ha degli effetti benefici sulla digestione. Aiuta la trasformazione dei grassi in energia e ha effetti benefici sull’insulina. Infatti ne diminuisce i livelli ematici.

Altra frutta

La fruttaOltre agli agrumi, la frutta tipica dei mesi freddi è rappresentata da mele, pere e kiwi. Il kiwi contiene più vitamina C dell’arancia oltre che ottima quota di ferro e vitamina E. È anche alleato di ossa, cuore e gambe. Il suo quantitativo di fibra invece lo rende un toccasana anche per gli intestini più pigri.

Anche le mele contengono vitamina C, pectina, fibre, flavonoidi, azoto e fluoro. Ne esistono di tante varietà e colori. Questo ci aiuta anche a variare il sapore. Anche di pere ne esistono varie qualità, alcune maturano già in autunno, altre in inverno inoltrato. Le pere sono molto fibrose, anche se il maggior quantitativo è contenuto nella buccia. Per cui, dopo averle ben lavate, possono essere mangiate senza essere sbucciate.

Viste le molteplici qualità dei frutti tipicamente invernali, non possiamo farne a meno, per cui, in modo controllato (soprattutto per chi soffre di diabete) abituiamoci ad un consumo giornaliero.

Continuate a seguire la mia rubrica e la mia pagina facebook.

 


Autore dell'articolo: Dottoressa Rosanna Provenzano

Dottoressa Rosanna Provenzano
Laureata in Dietistica e in Scienze della Nutrizione Umana, la Dott.ssa Rosanna Provenzano è' una dietista e nutrizionista professionista, capace di proporre diete mirate per chi ha bisogno di migliorare il proprio regime alimentare o di perdere peso corporeo. Riceve a Roma in zona Anagnina, Numidio Quadrato e Quartiere Africano. Per info e appuntantamenti: cell. 3938002750 email info.nutrizionista@tiscali.it sito www.nutrizionistaprovenzano.it facebook https://www.facebook.com/NutrizionistaProvenzano Per appuntamenti chiamare il 3938002750

1 thought on “La frutta, perché fa bene mangiarne tanta anche nei mesi freddi

    arianna

    (27 novembre 2017 - 17:43)

    Grazie dottoressa, è sempre un piacere leggere la sua rubrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *